La buona scuola

Workshop – Università Bocconi, lunedì 13 ottobre 2014

la buona scuola riforma educazione scolastica

Nel mese di ottobre 2014 la nostra associazione ha organizzato un dibattito interno con 10 associati basato sul documento fornito dal Governo, “La Buona Scuola”.

Le informazioni del documento sono state riassunte dal responsabile dei dibattiti per renderle più “appetibili” agli associati.

I punti nodali della discussione sono stati quelli del sistema di valutazione di docenti e del massiccio piano di assunzioni previsto nel 2015-2019. Nel primo caso, ci siamo interrogati su chi dovesse valutare gli insegnanti, sulla base di quali risultati conseguiti e con quali impatti sulla percentuale di reddito variabile.

Nel secondo caso è stata invece posta l’attenzione su come un tale piano di assunzioni, da un lato, potesse creare grandi aspettative verso coloro che si trovano nelle GAE (graduatorie nazionali), anche se svolgevano solo marginalmente attività di insegnamento e, dall’altro, come la rapidità di volere agire in fretta potesse dar luogo a leggerezze nella valutazione delle competenze di coloro che sono nella GAE, in molti casi qualificati per insegnare professioni non più esistenti.

Il dibattito si è concluso con un position paper sulle criticità riscontrate e con la proposta delle stesse alla Consultazione pubblica della Buona Scuola.

Il dibattito ha permesso ai nostri associati di comprendere meglio quale era stato l’approccio del governo ad un tema così delicato, dando loro l’opportunità di essere più informati e più critici rispetto a tale questione.

Informarsi, pensare e discutere con gli altri il nostro pensiero accresce la dialettica, sviluppa capacità interpersonali, aiuta a confrontarsi e a capire le ragioni degli altri: questi i principali benefici del dibattito.