Lasci casa solo quando è la casa a scacciarti

di Silvia Profeti.

Ognuno di noi, si sa, ha particolari interessi a cui si dedica nel tempo libero o per distrarsi dalla quotidianità. Uno dei miei, per esempio, è cercare l’origine delle parole.

E così ieri, mentre riflettevo chiedendomi come si fosse arrivati a negare il desiderio di voler essere cittadini europei, a rifiutarsi di far parte di una comunità, mi sono ritrovata a curiosare sul sito della Treccani, per scoprire le radici anche di questa parola. 

Comunità.

Secondo l’Enciclopedia comunità è una parola di origine latina e deriva da communis, ovvero “che compie il suo incarico (munus) insieme con (cum) altri”. Un incarico che ieri una parte della popolazione britannica ha scelto di negare, con un atto che ha “urlato” al mondo quanto oggi la nostra Unione sia debole.

Eppure, e questo probabilmente è il lato “positivo” della vicenda, non è stata la Generazione Erasmus a farlo. No, fosse stato per i nostri coetanei oggi la Gran Bretagna sarebbe ancora uno dei 28, ops scusate 27, membri dell’Unione Europea e non staremmo qui a discutere dei futuri possibili scenari.

Nel concreto, quindi, cosa ci aspetta?

Dal punto di vista politico, l’incertezza è totale, sia per la rassegnazione delle dimissioni del presidente Cameron, del quale ancora non si conosce il successore, sia per l’impatto a cascata che questo risultato avrà sugli altri Paesi in cui i movimenti anti-europei sono in crescita. Le elezioni spagnole di oggi (26 giugno, ndr), per esempio, saranno un terno al lotto, nella speranza che questo terno non lo vinca Podemos.

Da un punto di vista economico, invece, Bloomberg cita tre possibili scenari per la Gran Bretagna:

  • rimanere all’interno dell’area economica europea con il c.d. “modello norvegese”, mantenendo l’accesso al mercato unico e il diritto alla libera circolazione delle persone, senza però avere più alcuna voce in capitolo;
  • negoziare una proposta di libera circolazione dei beni e dei servizi con l’Unione, evitando singole trattative tariffarie con tutti i Paesi Membri;
  • continuare a commerciare con i Paesi dell’Unione seguendo le regole tariffarie previste dalla WTO, evitando così lunghi periodi di negoziati.

La prima ipotesi corrisponde indubbiamente al miglior scenario, ma riduce i poteri decisionali in capo alla Gran Bretagna; sebbene, dunque, da questa soluzione ne uscirebbero quasi tutti “vincitori”, con impatti economici su investimenti diretti esteri ed occupazione contenuti, mi chiedo se sarà questa la strada che verrà intrapresa. Se così fosse, tanto valeva restare nell’Unione.

La terza ipotesi, invece, corrisponde al peggior scenario: come uno studio di PwC rileva, sebbene tale soluzione garantisca alla Gran Bretagna maggiori poteri decisionali e l’interruzione dei versamenti all’Unione Europea, le ripercussioni economiche potrebbero essere notevoli, con una perdita consistente di capitale umano immigrato.

Arriviamo dunque al punto di vista socio-culturale, sul quale è necessario investire da subito, senza esitazioni. Bisogna ripartire dai giovani, danneggiati da una scelta fatta da altri, e dalle periferie, investendo per ridurre le disuguaglianze economiche e sociali che hanno condotto la campagna a sostenere il “LEAVE”. La soluzione, in entrambi i casi, risiede nella comunità.

Con questo appello mi rivolgo a tutti i ragazzi della Generazione Erasmus, ai miei coeateni, invitandoli ad alzare la voce e rimboccarsi le maniche per evitare che il sogno europeo cada in mille pezzi, uno dopo l’altro, ad effetto domino. Associatevi, entrate a far parte di una comunità, impegnatevi per una causa a supporto del vostro territorio, che sia locale, nazionale o europeo, e scegliete l’Unione all’isolamento.

Solo in questo modo cominceremo a vivere in una nuova Europa, che non si identifica più solamente con le istituzioni che oggi sentiamo lontane. Europa è cittadinanza europea, quella cittadinanza di cui molti vanno in cerca senza ancora potervi avere accesso e che noi non dovremmo rifiutare.

Saggiamente uno di loro una volta ha scritto che “Lasci casa solo quando è la casa a scacciarti”.

 

Silvia Profeti è una delle fondatrici di nextPA. Laureata nel corso di laurea di Economia delle Amministrazioni Pubbliche e Istituzioni Internazionali, ha ricoperto la carica di segretario generale fino al 2015 ed è ora consulente presso PricewaterhouseCoopers.

Riproduzione riservata © nextPA. Image courtesy: REUTERS, Andrew Yates.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *