Articoli

profit prejudice art culture

Profit and prejudice: alliances between art and economy exist

by Marianna Fatti.

Why an alliance between Art and Economy can exist – yes, beyond profit.

Many people get disturbed when combining the world of Art and Culture with Business and Economics. It seems that either no relationship among the two variables exists, or that the two worlds are considered as antagonists. In reality, unexpected bonds exist between these apparently rival worlds. Indeed, they can help each other.

An undervalued resource

How can Economy help Art? In particular, how can businesses help cultural heritage? Cultural heritage is a public good, and by definition, private companies are not interested in investing in them because there is no profit to get from them – at least directly. So beside souvenirs’ selling or correlated services, there is theoretically no reason why businesses should invest in cultural heritage, at least according to the neo-classical theory of maximization of profit.

Moreover, let us consider the Italian case. Despite the fact that there are 1.7 museums or similar items every 100 km2 (ISTAT, 2015), representing a fundamental “strategic resource”, the Report on Equal and Sustainable Welfare of ISTAT for the 2016 highlights that public institutions do not consider the patrimony as worthy of investment. The public expense in safeguard and promotion of cultural heritage in 2015 only counts for the 0.07% of the GDP, and from 2014 it has been reduced by 6.6%. So how can Italy’s enormous artistic patrimony survive, if also investments from the public institutions are decreasing?

Economy helping Art

Here businesses enter to the stage. Their contribution to the preservation of cultural heritage is increasing thanks to a series of measures, which the Government is developing in order to promote and simplify this type of investment.

The most advertised and direct instrument to incentive private investments is the so called Art Bonus (http://artbonus.gov.it/): all those subjects who make a donation to preserve and restore specific monuments and museums indicated by the Ministry , but also support foundations, theatres and similar institutions, will benefit of a tax credit of the 65% of the donation. Patrons can be individual citizens but also companies.

The students of the Master in Economics and Management of Art and Cultural Heritage of the 24 Ore Business School have recently presented the results of the first study on Art Bonus, and these are definitely positive. Donors by 22th December 2016 were 3,836, with a 21,5% increase from 30th September 2016, which was the reference day for the end of the study.  The total amount collected by 17th December was 133 mln euros (Pirelli, 2016), and the greatest portion of this amount comes from companies and bank foundations, namely the 80% – 97,6 mln euros.

True love

One could argue about the selflessness of the donations, considering the relevant tax credit. Nevertheless, fiscal benefits seem to represent just a trigger. ISTAT’s report shows that the indicator “Dissatisfaction for the condition of the landscape” is increasing, and according to a research of 2009 by Centro Studi Gianfranco Imperatori, only the 15% of donors claim that it donate only because of a tax credit (Bagli, 2014).

Art Bonus takes advantage of the strategic trend of Corporate Social Responsibility, which comes as a blessing on national and local cultural institutions, which have seen their budget so drastically cut during the recent years. The amount of credit for companies is claimed to be even insufficient, considering that it only amounts to the 0.5% of the annual income. Companies seem to donate mostly because of two main characteristic of the instrument: its transparency and the strong relation with the local environment and community.

Art supporting Economy

Here we come to the second perspective, Art – in fact, cultural heritage – helping Economy. Common  goods like this are non-rivalrous, that is consumption of an individual does not prevent another one from consuming it and, in many case, they are non-excludable, and this is evident with monuments (Benhamou, 2013).

Nonetheless in her book of 2013 The Economy of Culture Françoise Benhamou, highlights another important, peculiar aspect: the marginal utility of the “consumption of culture” actually increases with the consumption. Becker and Stiegler call these “addictive goods”.

Van der Borg and Russo even propose, in a study of 2009, a model of “Culture-oriented economic development”, based on the network of all those economic, non-economic and institutional actors that stem from a cultural attraction, like cultural heritage. This cluster represents not only a source of employment itself, but it shall also be able to generate “value relationships” among actors and attract the related so-called creative industries, generating synergies among different resources and thus boosting the overall economic system

The difference between a PC and a Michelangelo’s statue

So why does almost everyone perceives such a strong dichotomy – if not contrast – between Art and Economy? The president of Italian UNESCO Youth Committee once made this example. The difference between hitting with a hammer a PC and the statue Pietà by Michelangelo Buonarroti – it actually occurred in 1972, when Lazlo Toth damaged with a hammer the face of the Virgin Mary – is that in the latter case it would be practically impossible to quantify the damage.

Indeed, a realistic estimate of their value would be almost impossible, because – true – works of art are unique masterpieces. For this reason and for most of them are public, anyone should be able to enjoy this unique materialisation of human soul. Any attempt to calculate their value would implicitly transform art in a marketable product.

However, while there cannot be any objective quantification of the value of cultural heritage, the benefits it determines for the economic system can definitely be estimated, thus encouraging further public and private investments, feeding not only the cultural system, but the economic one as a whole living happily ever after.

 

Marianna Fatti, enrolled in the first year of the Master of Science in Government and International Organisations at Bocconi University, is a nextPA member since September, 2016.

All rights reserved © nextPA

parlamento instabilità politica

Le proposte di legge abbandonate: un prezzo da pagare per l’instabilità politica

di Federica Bandera.

Quasi tutto tace a Roma in questi giorni di pausa natalizia. Il Parlamento tornerà a riunirsi nella seconda settimana di gennaio: il 9 la Camera ed il 10 il Senato.

Ma la politica, si sa, non dorme mai. E anche quando tutto sembra tranquillo, dietro la calma facciata si nascondono frenetiche attività di incontri, riunioni e preparazione dei prossimi critici mesi per i partiti italiani e non solo.

Se, quindi, i lavori prettamente istituzionali sono fermi, lo stesso non si può dire della spasmodica attività dei politici, che fra dichiarazioni sui social e dichiarazioni alla stampa rimarcano la propria posizione sulle questioni più rilevanti: modifiche alla legge elettorale e prossime elezioni.

I partiti maggioritari, PD e M5S, con differenti opzioni, chiedono con estremo vigore che si arrivi velocemente al voto. Lo stesso Orfini, presidente del Partito Democratico, ha affermato ieri in un’intervista al Corriere della Sera che “Gentiloni ha detto che il suo è un governo di servizio al Paese, ma una volta completato il percorso è giusto restituire la parola ai cittadini”, auspicando che si riesca a modificare la legge elettorale con un ampio appoggio politico, cercando di uniformare i due diversi sistemi vigenti per le Camere, ed andando alle urne entro giugno 2017. Di parere contrario il Presidente Mattarella, che, neanche troppo velatamente, cerca di riportare tutti sul binario del termine naturale della legislatura.

Ciò che è chiaro agli occhi di tutti è che, in qualsiasi caso si proceda, l’instabilità che caratterizza il nostro sistema politico ormai dall’inizio della campagna elettorale per il referendum del 4 dicembre – per parlare solo dei mesi più recenti ovviamente – ha avuto, e continua ad avere, numerose conseguenze.

Come avevo già scritto sul disegno di legge sulla concorrenza (qui), in mancanza di volontà politica ed in presenza di un sistema di bicameralismo perfetto, è molto semplice che le proposte ed i disegni di legge si perdano nei meandri dei lavori delle Commissioni e del passaggio fra le Camere. Questo è ancor più vero quando uno Stato si trova, come nel nostro caso, in un costante vortice di incertezza e cambiamento e, soprattutto, quando è proprio il partito di maggioranza, che ha promosso numerosi di questi disegni di legge durante la sua azione di Governo, a pretendere che si vada al voto il prima possibile.

L’associazione Openpolis ha pubblicato un’analisi delle proposte di legge che rimarranno sospese qualora la legislatura finisse prima, cosa che potrebbe facilmente accadere anche se la legislatura completasse il suo corso. L’attuale Governo Gentiloni, infatti, non avrebbe una forza politica e rappresentativa della volontà degli elettori tale da poter portare avanti alcune delle più insidiose battaglie intraprese dal Governo Renzi.

Secondo Openpolis i disegni sospesi sono ben 74, di cui 22 fermi alla Camera e 52 al Senato. Fra questi ve ne sono numerosi riguardanti i diritti civili e alcune misure di welfare: il ddl sul reddito di inclusione, l’introduzione dello ius soli, l’introduzione del delitto di tortura, la nuova normativa sul divorzio breve, il provvedimento sull’attribuzione del cognome ai figli. Inoltre sono bloccati da mesi anche il ddl sull’omofobia, sepolto nelle commissioni dagli emendamenti della Lega Nord, ed il ddl sul reato di tortura, sospeso a luglio poco prima del voto finale al Senato.

Da cittadini, forse, dovremmo chiederci se è sempre giusto che, in nome della continua ricerca di una (fuggevole) stabilità politica, si abbandonino, ogni volta, progetti, proposte e disegni di legge e di politiche pubbliche positivi per la società. A maggior ragione se essi riguardano i nostri diritti civili, che dovrebbero rappresentare obiettivi condivisi da tutte le forze politiche.

La risposta più immediata che potremmo darci è: “That’s politics baby”; ma siamo pronti, da cittadini, a farcela bastare?

 

Federica Bandera, laureata in Economia e Management delle Amministrazioni Pubbliche e Internazionali presso l’Università Bocconi, è una delle fondatrici di nextPA, di cui è stata la prima Presidente dal 2013 al 2015.

Pubblicato anche su Gli Stati Generali.

intelligence

Perché l’intelligence italiano sa come combattere il terrorismo

di Matteo Negro.

La fortuna era serva, non padrona. Bisognava accettarla con una scrollata di spalle, o sfruttarla fino all’estremo. Però andava compresa e riconosciuta per quello che era, e non confusa con un errato calcolo delle probabilità. – Ian Fleming

La celebrità dei servizi segreti, per quanto ossimorica possa sembrare tale affermazione, è certamente da attribuire alla produzione cinematografica del Novecento, che ha dipinto la figura della spia con spennellate di fascino, tecnologia, di identità di copertura e di flirt, non solo con il nemico in qualità di doppiogiochista. Chiunque non sia stato rinchiuso in una botola buia negli ultimi 50 anni si trova ad identificare l’agente segreto con il protagonista di 007, James Bond. Sembra quasi che essere “macho”, spericolato e virile siano le caratteristiche di base per poter entrare a far parte dei servizi segreti, con buona pace di chi predica la parità dei sessi sul posto di lavoro.

Le cose non stanno esattamente così. Nella realtà, ci si può immaginare lo 007 come una persona di mezza età, non proprio appariscente per l’aspetto fisico, ma sicuramente sveglia e ben consapevole degli assetti geopolitici mondiali. Le competenze di ICT sono date per scontate, insieme ad una eccellente formazione specializzata in intelligence e sul diritto internazionale. Nel passato dell’intelligence italiano si poteva entrare a far parte dei servizi segreti esclusivamente se si prestava già servizio militare per qualche altro corpo di polizia (Esercito, Polizia di Stato, Carabinieri o Guardia di Finanza). Solo più recentemente è stata aperta la possibilità di candidarsi spontaneamente anche ai civili tramite i siti web delle nostre agenzie di spionaggio.

Altra mera finzione cinematografica da sfatare è la licenza di uccidere. Perlomeno in Italia. Alle nostre spie è infatti fatto divieto esplicito di infrangere il codice penale, se non con qualche piccolo permesso speciale in materia di intercettazioni telefoniche ed effrazione di domicilio. Ma sempre con il benestare dei piani alti. Negli anni si sono infatti moltiplicate le lamentele, non solo interne agli organismi di intelligence, riguardo al paradosso delle spie italiane: impedire loro di commettere reati minori corrisponderebbe secondo alcuni ad una sorta di azzoppamento delle nostre capacità di intelligence.

In Italia i servizi segreti sono organizzati in modo piramidale. Con la riforma del 2007 (legge 3 agosto 2007, n. 124) l’intelligence italiano è stato riorganizzato pur non mutando in modo sostanziale i princìpi generali precedenti. In cima alla piramide siede infatti l’indirizzo politico: il Presidente del Consiglio, da prassi, nomina i vertici delle tre strutture di intelligence e delega ad un sottosegretario la gestione dei rapporti con l’intelligence. DIS (Dipartimento informazioni per la sicurezza), AISI (Agenzia informazioni e sicurezza interna) e AISE (Agenzia informazioni e sicurezza esterna) costituiscono il livello operativo dei servizi segreti italiani. A ciascuna struttura sono affidati specifici compiti e responsabilità, tra cui il coordinamento delle informazioni riservate da ripartire ai ministeri per competenza (Interno, Esteri, Difesa) e con le organizzazioni di intelligence internazionali (Europol, Central Intelligence Agency).

Le radici delle nostre capacità di spionaggio e controspionaggio risalgono agli albori dello Stato italiano, a fine Ottocento. Ma l’affinamento di tali competenze è avvenuto a cavallo degli anni Sessanta, Settanta e Ottanta, in cui l’intreccio tra potere e malavita si è fatto ferocemente più complesso. Anche se in quei tempi la minaccia principale derivava dall’interno del Paese (gli anni di piombo, il golpe Borghese ecc.), tali periodi bui della Prima Repubblica hanno permesso alle nostre strutture di intelligence di poter comprendere i legami tra cellule terroristiche in modo più approfondito rispetto ad altre realtà internazionali. Competenze che, ex post e con tutte le perplessità annesse, si sono rivelate decisamente utili nella lotta al terrorismo internazionale.

Sono tali capacità ad aver permesso alle forze di polizia italiane, nel 2015 (dati Ministero dell’Interno), a poter vantare importanti successi nella lotta contro il terrorismo. Per quanto riguarda il terrorismo internazionale, a fronte di oltre 36.000 controlli da parte delle forze dell’ordine, le persone arrestate sono state 121, quelle espulse dal territorio italiano sono state 192 e quelle perquisite oltre 400. Quanto alle minacce di terrorismo interno (estremismo di destra e di sinistra) invece, i denunciati nel solo 2015 sono stati oltre 1.800, e sono state arrestate in totale 78 persone.

L’attività legislativa si sta muovendo abbastanza velocemente per far fronte al mutamento delle condizioni entro cui si sviluppano le nuove minacce internazionali. Tra le altre misure contenute nel decreto legge Antiterrorismo n. 7 del 18 febbraio 2015, infatti, sono stati inseriti nel codice penale nuovi reati per chi organizza, finanzia e propaganda viaggi per commettere condotte terroristiche, per chi si arruola in organizzazioni terroristiche, per chi si auto-addestra per commettere atti terroristici (i cosiddetti lupi solitari), e via dicendo.

Non ci si deve quindi sorprendere se Anis Amri, l’attentatore della strage di Berlino dello scorso 19 dicembre, è stato fermato per un controllo e successivamente freddato a Sesto San Giovanni, nella periferia Nord di Milano. Questo è solo uno degli episodi che fanno da controprova all’efficacia delle misure di sicurezza poste in atto dallo Stato italiano, nonostante i livelli di allerta rimangano costantemente al di sopra della norma.

 

Matteo Negro, laureando in Management presso l’Università Bocconi, è associato in nextPA dal 2014 e si occupa principalmente di smart cities, partecipate pubbliche, infrastrutture e trasporti.

Riproduzione riservata © nextPA

parlamento senato camera italia politica

E’ stato il bicameralismo paritario a fermare la legge sulla concorrenza?

di Federica Bandera.

Maggiore velocità ed efficienza del procedimento legislativo attraverso l’eliminazione del bicameralismo perfetto: questo era uno dei cavalli di battaglia del fronte del SÌ al referendum. Eppure il SÌ si è guadagnato la fiducia soltanto del 41% degli italiani.

Al netto quindi dei dati e delle analisi, certamente corrette, che si leggono fin da domenica sera in merito alle preferenze di voto suddivise per cluster di popolazione (giovani/non giovani, alta/bassa istruzione, nord/sud …) e che puntano tutte a spiegare la vittoria del NO come successo del voto di protesta e malcontento generalizzato contro la politica e contro il governo come centro del sistema politico, la domanda meno ovvia da porsi forse è la seguente: chi nel fronte del NO non ha votato di pancia, come suggerito da alcune parti politiche, ma ha votato di testa, guardando al merito della riforma, perché l’ha bocciata?

È una domanda che ha senso porsi, perché, se è certamente vero che il fronte del NO è stato politicamente egemonizzato e rappresentato dal volto di Grillo e Salvini e dalle loro piattaforme politiche, è anche vero che a votare NO sono state molte personalità della nostra vita politica e sociale e milioni di cittadini che non hanno votato e non voteranno mai né per la Lega né per il M5S e che hanno criticato la riforma proprio nei suoi aspetti di merito e il premier per il modo troppo spregiudicato con cui ha cercato di raccogliere consenso su di essa.

La risposta a questo “perché” è: proprio la riforma non ha convinto ed è la sua “promessa” a non essere apparsa persuasiva. E se non ha convinto, gran parte della responsabilità è nella scarsa forza di quello che sembrava il principale argomento dei suoi sostenitori, cioè l’eliminazione del bicameralismo perfetto come fattore di maggiore efficienza istituzionale e responsabilità politica.

Sia chiaro: è vero, come ha documentato il fronte del SÌ, che in Europa prevalgono regimi monocamerali, in quelli bicamerali l’elettività della seconda Camera riguarda una minoranza di Paesi e l’uguaglianza dei poteri tra Camera e Senato rappresenta praticamente un unicum italiano. Quel che non è apparso vero anche a chi ha votato in modo più consapevole e meno di pancia è che fosse questa anomalia istituzionale la causa principale dell’anomalia politica italiana, della lentezza del processo legislativo e dell’incapacità dei partiti di decidere in modo tempestivo e responsabile sui temi di governo.

Dato che gli italiani sarebbero per la maggior parte inclini alla riduzione del numero dei politici, possiamo ben capire come dietro alla scelta di schierarsi dalla parte opposta – chi ha votato NO ha implicitamente scelto di mantenere il numero attuale di rappresentanti in Parlamento – debba esserci una motivazione ancor più forte del malcontento verso la classe politica e i suoi privilegi. E, cercando ancora di darci una spiegazione per questa scelta, si può ipotizzare che i contrari alla riforma non vedano l’ostacolo all’efficienza del procedimento legislativo nel bicameralismo perfetto, bensì nella mancanza di una forte volontà politica di chi ci governa. E questa spiegazione non manca di riscontri e di prove nella nostra vita istituzionale. Facciamo alcuni esempi concreti.

Il ddl sulla legge annuale sulla concorrenza (che dovrebbe essere approvata, appunto, annualmente, ed è stata invece annualmente non-approvata, dalla data della sua istituzione nel 2009 – art. 47, l. 23 luglio 2009, n. 99) è ormai “spiaggiato” da più di un anno al Senato. Presentato il 3 aprile del 2015 dall’allora Ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi, il disegno di legge è stato approvato, con modifiche, dalla Camera dei Deputati a ottobre 2015 e trasmesso al Senato. Dopo più di due mesi di audizioni informali e quasi un anno di trattazione in Commissione Industria, il disegno di legge si è arenato in aula al Senato dall’agosto 2016.

La lista infinita di audizioni effettuate e le continue proroghe dei termini per gli emendamenti ed i subemendamenti in Commissione dimostrano come il testo di legge sia stato oggetto di numerose pressioni e veti, come è normale che sia data la sua importanza. La volontà della maggioranza, che sostanzialmente decide la programmazione dei lavori in Parlamento, è stata chiara fin dall’arrivo del provvedimento in aula al Senato: congelarlo fino all’esito del referendum a causa di numerose questioni politicamente troppo spinose da affrontare in un momento così delicato di campagna elettorale.

E questo è soltanto un esempio di provvedimenti che, ad un certo punto del loro iter, sembrano finire su un binario morto. Se ne potrebbero fare anche a “camere invertite”: il disegno di legge sull’eleggibilità e incompatibilità dei magistrati rispetto a cariche politiche, approvato al Senato a marzo del 2014, è arenato da allora presso la Commissione giustizia della Camera. Ad averlo fermato non sono state le complicazioni burocratiche della “navetta”, ma ragioni del tutto politiche (i rapporti con la magistratura associata, la fine del Patto del Nazareno, ecc. ecc.).

Insomma: la lentezza del procedimento legislativo, le trappole e le strade senza uscita in cui finiscono molte leggi sono davvero solo un prodotto del bicameralismo, o non sono anche un prodotto della debolezza della politica, dalla sua inclinazione a finire catturata nel sistema dei veti incrociati? Utilizzando un termine molto in auge in questi tempi, possiamo risponderci così: non sarà forse un… “combinato disposto” fra i due?

 

Federica Bandera, laureata in Economia e Management delle Amministrazioni Pubbliche e Internazionali presso l’Università Bocconi, è una delle fondatrici di nextPA, di cui è stata la prima Presidente dal 2013 al 2015.

Pubblicato anche su Stradeonline.it

Rendering del ponte sullo Stretto di Messina

Il ponte sullo stretto: ultima chance per far ripartire l’economia

di Alessandro Marcotulli.

Lo scorso 27 settembre il Presidente del Consiglio Matteo Renzi ha annunciato di voler rilanciare la costruzione del ponte sullo stretto per collegare Reggio Calabria a Messina. A molti esponenti politici delle opposizioni questa è sembrata una boutade tipica dei Governi Berlusconi, ricordando di quanto si è parlato di questo progetto ma nulla si è fatto. Secondo le opposizioni, infatti, le priorità dell’Italia sembrano altre: combattere la disoccupazione giovanile, restaurare le infrastrutture già esistenti, occuparsi di pensioni, dimuire il cuneo fiscale per le imprese e ricostrire i paesi che sono stati vittima del terremoto. Tutti progetti ideali per migliorare la condizione sociale dei cittadini.

Ma siamo sicuri che puntare solo su questi progetti permetterà all’Italia di uscire dalla stagnazione economica degli ultimi otto anni? I governi Monti, Letta e Renzi hanno fatto il possibile finora per ridurre la spesa pubblica: l’Italia è infatti tornata ad avere un avanzo primario, ma il rapporto debito/PIL continuerà a salire se il PIL non tornerà a crescere. L’economia reale deve rinascere e la parola chiave per permettere ciò è “innovazione”.

Una grande opera pubblica come il ponte sullo stretto, che non ha precedenti sul nostro territorio, potrebbe essere un’ottima occasione. Spesso ci lamentiamo di un meridione arretrato rispetto al Nord e di una Sicilia abbandonata al suo destino. Questa è la nostra chance per far evolvere il Sud alla velocità della luce. In treno i siciliani risparmierebbero un’ora e mezza circa per raggiungere la Calabria, e questa sarebbe una soluzione molto più economica per i commerci che così eviterebbero i costosi traghetti e aerei. Un’opera del genere darebbe risalto della nostra immagine all’estero e Sicilia e Calabria diventerebbero più attrattive sia per il turismo che per gli investitori.

Nel 1986 venne costruito sul Golfo Persico il Ponte Re Fahd, un’infrastruttura lunga ben 25 km per collegare l’Arabia Saudita al Bahrein. Quest’opera ha permesso all’isola araba di evolversi velocemente rafforzando i commerci con il resto del continente e di poter crescere come il Qatar e gli Emirati Arabi Uniti.

king-fahd-bridge

King Fahd Bridge. Fonte: Google Maps

king-fahd-bridge

Il tasso di disoccupazione in Italia è intorno all’11,4%, ben sopra alla media europea. La stima del PIL è stata ribassata al +0,8% per quest’anno e l’unica soluzione sembrerebbe spendere per produrre. I costi di quest’opera sarebbero maggiori di 10 miliardi di euro, importo difficile da trovare, ma il Premier, durante il suo discorso per celebrare i 110 anni dell’impresa di costruzioni Salini-Impregilo, si è detto pronto per questa sfida, che porterebbe 100.000 nuovi posti di lavoro e proietterebbe l’Italia verso il futuro. Anas, proprietaria della società “Stretto di Messina” ha annunciato la disponibilità per ripartire con il progetto se il governo darà l’ok, soprattutto ora che a fine anno sarà terminata la Salerno-Reggio Calabria.

Questa può essere davvero l’ultima occasione dopo otto anni di crisi per rilanciare il nostro paese. Un grande progetto per far uscire l’Italia dalle sabbie mobili e tornare ad essere protagonisti in Europa.

 

Alessandro Marcotulli, studente al secondo anno di Economia e Finanza presso l’Università Bocconi di Milano, è associato in nextPA dal 2015.

Riproduzione riservata © nextPA