User Experience Design

Workshop – Università Bocconi, lunedì 7 marzo 2016

I servizi pubblici non devono rispettare solo i parametri di efficienza, efficacia ed economia, come l’università insegna. Anche l’occhio vuole la sua parte, e ciò si declina nella semplicità di utilizzo dei servizi pubblici.

Anna Pestalozza, User-Experience Designer con esperienze nel settore dei servizi sanitari, ci ha insegnato che così come un designer di arredamento che vuole progettare una sedia deve partire dalle aspettative di chi ci si dovrà sedere sopra (comodità, relax, spazio…), così anche una buona Pubblica Amministrazione che vuole bene al proprio cittadino deve riprogettare i processi con i quali eroga i servizi partendo dall’analisi delle aspettative del cittadino riguardo quegli stessi servizi. Solo così è possibile avere una Pubblica Amministrazione che eroga servizi efficaci ed efficienti, che centrano l’obiettivo di soddisfare appieno i bisogni del cittadino.

nextPA, per addentrarsi nell’argomento, ha analizzato il caso di Stoccolma e la fornitura di appartamenti a giovani e universitari, che è centralizzata e svolta dal Comune secondo determinati parametri. Partendo dalle esigenze del cittadino, infatti, abbiamo avanzato ipotesi e teorie su come un servizio pubblico come l’affidamento di unità abitative possa essere riprogettato avendo a cuore le aspettative di chi fa domanda.

Un sentito ringraziamento ad Anna Pestalozza per la disponibilità dimostrata.